STORIE USI E COSTUMI

IAMLA: il museo italo americano di Los Angeles

IAMLA. L'edificio visto in facciata del Museo italo americano di Los Angeles

Comprendere un Paese significa conoscere le sue vicissitudini passate. Cosa c’era in origine, quali popoli lo hanno attraversato, cos’hanno portato e cos’hanno tolto. In poche parole studiarne la storia e le culture. Termini che racchiudono una moltitudine di significati e sentimenti che producono il loro effetto nel tempo. Ecco perché per capire appieno un qualcosa, bisogna sempre voltarsi indietro. Ed è sul valore della memoria che si fonda il Museo italo americano di Los Angeles. Noto in breve con l’acronimo IAMLA racconta il contributo dei migranti italiani in una città che oggi conosciamo soprattutto per la sua modernità.

Contributi italiani allo sviluppo di LA

“Conoscere il passato per capire il presente”. Quante volte sui banchi di scuola un buon insegnante ha cercato di spronarci allo studio con queste parole. Ripercorrendo “il sogno americano” degli italiani di fine ‘800 ci accorgiamo facilmente di come quel sistema di pregiudizi, ancora oggi molto attuale nei confronti dei migranti, sia purtroppo un classico della storia. <Geneticamente inferiori… una minaccia per la sicurezza del Paese e per la purezza razziale americana>. Così si esprimono, a suo tempo, l’eugenetica e la propaganda politica delle terre statunitensi. Bersagliati da ingiurie e calunnie di vario tipo, gli italiani non si danno per vinti. Coraggiosi e volenterosi “scivolano” verso nuove zone raggiungendo la CaliforniaLos Angeles si rivela sin da subito un ambiente ospitale. La commistione di gruppi culturali diversi, la presenza di una lingua “sorella” e il paesaggio dal clima mediterraneo sono tutti elementi chiave nel processo di sviluppo del Paese. Qui gli italiani possono praticare attività che ben conoscono.

IAMLA. Foto della signorile residenza di Secondo Guasti

La coltura della vite per esempio da cui derivano diverse storie di successo come quelle dei viticoltori Secondo Guasti e Antonio Pelanconi. Nell’antica plaza diffondono inoltre numerose cantine tanto che il mercato di Olvera è inizialmente conosciuto con il nome di Wine Street. Accanto alla produzione di vino nascono attività parallele. La pesca è tra queste, conoscendo sviluppo lungo la costa di San Pedro grazie a gruppi genovesi, ischitani e siciliani. La presenza italiana continua a rafforzarsi per tutto il periodo a cavallo tra ‘800 e ‘900 dando origine ad un’importante comunità. Pertanto si rende necessaria la nascita di panetterie, caffè, farmacie e vivaci negozi. Iniziano a circolare anche i giornali in lingua e nel contempo sorgono le chiese di San Pietro e di Maria Stella del Mare. Ma è nel 1908 che prende forma quello che poi sarà lo IAMLA.

IAMLA: la nascita del museo italo americano di LA

Caratteri cubitali elegantemente dipinti in oro troneggiano sulla facciata di quello che oggi è il Museo italo americano di Los Angeles. Lo IAMLA si costituisce di un nucleo originario, quello citato dalla scritta che ne costituisce l’ingresso: “italian hall”. Costruita nel centro della Little Italy rappresentava il cuore sociale e culturale dell’enclave. Qui si organizzavano eventi di vario tipo come matrimoni, concerti e la vendemmia. Obiettivo sottolineare il valore dell’italianità di cui esempio fu l’appoggio dato alla costruzione dell’opera di Simon Rodia, le Watts Towers. Ma anche riflettere su argomenti di una certa caratura. La Sala italiana ha infatti aiutato lo sviluppo di principi fondamentali: la libertà di parola e la formazione delle prime associazioni sindacali.

IAMLA. Facciata delMuseo italo americano di LA recante la scritta "italian hall"
Creative Commons Attribution 3.0 Unported

E sempre in questo luogo sono stati tenuti momenti di confronto e conforto rispetto a punti cruciali della storia, come la Seconda Guerra Mondiale. Negli anni ’30 la Sala subì un progressivo declino così nel 1953 lo Stato di California decise di acquistarla. La situazione però non migliorò. L’edificio infatti non venne riqualificato e nell’’80 rischiò addirittura di vedere cancellato il suo valore storico. Difronte a un tal pericolo la comunità italiana si mosse dando inizio a quei lavori che trasformarono la Sala in museo. Nato con l’obiettivo di rinforzare il rilievo storico-culturale degli italiani a Los Angeles, aiuta a comprendere la stratificata storia della metropoli. Qui è possibile percorrere un viaggio alla scoperta dell’identità dei numerosi italo americani che ancora oggi vivono questa terra. La testimonianza di un passato attuale, la conoscenza approfondita di un Paese attraverso la sua storia.

Sabrina Cernuschi

Autore: Sabrina Cernuschi

Laureata in Scienze Storiche lavoro da anni nel campo della didattica culturale. Amo curiosare dietro i perché delle cose per scoprirne le origini, le storie e rimanerne entusiasta un po’ come capita ai bambini quando esplorano! Per questo prediligo scrivere articoli a tema cultura: sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo su cui indagare!
IAMLA: il museo italo americano di Los Angeles ultima modifica: 2019-08-09T11:36:53-04:00 da Sabrina Cernuschi

Commenti

To Top