CURIOSITA'

Street art: un tour alternativo di Los Angeles

Street art - un muro variopinto fa da sfondo alla mano dell'artistista che impugna un pennello zuppo di azzurro

Visitare una città ci porta a conoscere molti luoghi, spesso i più famosi. Tappe classiche battute dai tanti gruppi turistici. Ma tra musei, chiese e parchi a volte è bello farsi sorprendere da qualcosa di inaspettato. E questo piacere si può certamente trovare a Los Angeles. Colorati angoli che all’improvviso si aprono davanti al nostro sguardo. É la street art: vivace, divertente e spiritosa.

Scatti dentro l’opera

Pronti a scattare la fotografia? Impossibile ormai non farlo. I cellulari, sempre a portata di mano, non ci faranno perdere questa opportunità. Diversi quindi i punti disseminati nella grande metropoli in cui trovare creative opere di street art. Iniziamo con il primo, che piacerà sicuramente agli amanti del rosa! Un enorme muro interamente colorato di fucsia, opera di Paul Smith. Niente di che, dite? Eppure con questa veste monocolore risulta molto fashion e di tendenza! Lo trovate difronte al Bar Carrera, a Melrose Avenue. Ma proseguiamo. Se al colore preferite le scritte, eccovi accontentati. Poco più in là del muro rosa, all’8025, incontrerete un grande “certificato di nascita”. È il Made in LA. Sentitevi liberi di farvi ritrarre sotto i caratteri cubitali di questa street art. Cambiamo zona e spostiamoci nella bellissima Venice Beach. Qui potrete addirittura avere la sensazione di “entrare dentro l’opera”!

Street art - murales rappresentativo di uno strano animale con muso da lupo e corpo da felino

Proprio in questa zona si trova una suggestiva immagine di street art. Rappresenta una via in pieno orario di punta. Le auto posteggiate, le vetture al centro della carreggiata. Mettetevi davanti al murales e l’effetto sarà garantito! Sarà come stare  in mezzo ad una strana in pieno traffico! Sempre da queste parti, potrete provare l’esperienza di avvicinarvi ad un animale non meglio definito. Muso da lupo ma un corpo il cui manto maculato lo fa somigliare ad un grande felino. Sono le produzioni di Diana Garcia. Altro pezzo di street art che vi trascina dentro l’opera. Si trova lungo il muro esterno del ristorante Gjelina. C’è chi finge di accarezzarlo, chi di offrirgli del cibo. Scatenate la vostra fantasia!

Angeli nella Città degli Angeli

Stanchi di questo tour? Ma il bello deve ancora venire! Quindi, conservate un po’ di energia. Di certo non potete perdervi le opere di Colette Miller. Avete già sentito questo nome? In effetti si tratta di un’artista visuale abbastanza nota. Tra le sue opere ce ne sono alcune davvero particolari, soprattutto per LA. Qui infatti la sua street art risulta molto simbolica. Se Los Angeles è la Città degli Angeli, potrebbero mai mancare un paio d’ali dipinte qua e là?

Street art - Murales rappresentativo di grandi ali sfumate in viola, azzurro e bianco

Ce ne sono di diverse, per colore, dimensione e gestualità. Ali sfumate in rosa e azzurro, grandi e piccole, sollevate e abbassate. Potete scegliere la rappresentazione che più vi ispira. Magari quella che meglio rappresenta il vostro stato d’animo. Ma da dove spuntano queste ali? Sono tutte parte di un progetto iniziato nel 2012. Nasceva il “Global Angel Wings Project”. L’artista pensò di portare le “sue ali” in giro nel mondo. Così le ali volarono in Messico, Cuba, Kenya, Francia sino a raggiungere l’Australia. A Los Angeles ce ne sono molte. Potete incontrarne alcune a Melrose Avenue, nel centro dell’Arts district. Pronti a trasformarvi in veri angeli? Ah e non dimenticate, tutte queste opere da vedere sono gratuite!

Sabrina Cernuschi

Autore: Sabrina Cernuschi

Laureata in Scienze Storiche lavoro da anni nel campo della didattica culturale. Amo curiosare dietro i perché delle cose per scoprirne le origini, le storie e rimanerne entusiasta un po’ come capita ai bambini quando esplorano! Per questo prediligo scrivere articoli a tema cultura: sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo su cui indagare!

Street art: un tour alternativo di Los Angeles ultima modifica: 2019-03-11T09:00:08-04:00 da Sabrina Cernuschi

Commenti

To Top