LO SAPEVI CHE

La Venezia di Los Angeles

Venezia - Gondola con gondoliere

Terra di cultura e singolarità, l’Italia offre scorci affascinanti. Così un forte impatto deve averlo provocato una città che in quanto a particolarità eccelle! Tanto bella da essere importata all’estero. Con i suoi canali e le sue vie dell’acqua, è Venezia. Luogo che ha entusiasmato gli americani. Ecco perché esiste una sorella lontana: la Venice di Los Angeles!

Come nasce?

Collocata nel quartiere ovest di Los Angeles, fu fondata da Abbot Kinney nel 1905. Chi era costui? Si tratta di un imprenditore statunitense molto attivo nel campo delle costruzioni edili. Conobbe Venezia durante un viaggio in Italia e ne rimase evidentemente colpito. Le gondole, i canali, la laguna: un’atmosfera magica, quasi fuori dal tempo. Perché quindi non creare una piccola Venezia anche a Los Angeles? La sorella minore dell’omonima italiana.

Venezia - Immagine di Venice Beach con canale e gondola

Ispirata alle architetture cinquecentesche veneziane iniziò a prendere vita Venice. L’obiettivo era riprodurre il più verosimilmente possibile le caratteristiche della Venezia originale. Una città dell’acqua dunque. Per questo si realizzarono canali solcati da gondole e relativi gondolieri. E non solo, importantissimo anche ricreare lo scenario di fondo. Quindi piccoli ponticelli tra le sponde esattamente come a Venezia. Nacque così Venice, località turistica che conobbe un pieno sviluppo fino agli anni venti. Sfortunatamente una serie di episodi successivi portarono ad un progressivo declino della città. Anzitutto l’inquinamento che andò a deturpare i canali comportandone la scomparsa. Ma anche un brutto incendio che condusse alla rovina moli e imbarcazioni.

La rinascita

Dopo diversi anni di abbandono l’amministrazione cittadina decise di iniziare i lavori per il recupero della Venezia americana. Fu così che negli anni ottanta si compì una vera e propria rinascita. Sorse qui un quartiere residenziale tra i più desiderati. Abitazioni in legno nella forma di villette multicolore. Un arcobaleno di tinte che dà un senso di allegria e positività al luogo. Ma non solo colori. A contribuire alla singolarità di questa zona è anche la foggia di alcuni edifici. Esempio ne è la costruzione a binocolo di cui è autore Frank Jehry.

Venezia - Immagine di un chitarrista seduto per terra si esibisce in una via di Venice beach

A contornare il tutto una dinamica cornice fatta di piste ciclabili e pedonali. Ampi viali che costeggiano il mare animati da artisti di strada, sportivi nonché cultori delle filosofie orientali! Al tramonto del sole è possibile osservare persone intente a meditare, come a perdersi in un luogo suggestivo e incantato. Oltre alla zona prettamente residenziale, è presente anche il lungomare. Proprio qui si trova la spiaggia divenuta famosa grazie ad un celebre serie tv. Erano gli anni novanta, quelli in cui venivano trasmessi i noti episodi di Baywatch. Chi di noi non ha seguito almeno una puntata? Venice beach, insieme al suo quartiere colorato, attira ogni anno numerosi turisti. Visitatori incuriositi dallo spirito multiculturale del luogo. Un’atmosfera definita bohémien tanto da destare l’interesse di artisti e attori desiderosi di aver qui una propria dimora. Un luogo il cui fascino diventa anche frutto di ispirazione creativa.

Sabrina Cernuschi

Autore: Sabrina Cernuschi

Laureata in Scienze Storiche lavoro da anni nel campo della didattica culturale. Amo curiosare dietro i perché delle cose per scoprirne le origini, le storie e rimanerne entusiasta un po’ come capita ai bambini quando esplorano! Per questo prediligo scrivere articoli a tema cultura: sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo su cui indagare!

La Venezia di Los Angeles ultima modifica: 2019-03-06T09:00:40-04:00 da Sabrina Cernuschi

Commenti

To Top