NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itLosAngeles

CURIOSITA' DOVE ALLOGGIARE MITI E LEGGENDE

Roosevelt Hotel e il fantasma che sorride

Facciata Hotel Roosevelt

Situato nella moderna Città del Cinema preserva il suo legame con un passato insolito. Antico albergo ancora in uso, la sua peculiarità non si associa solo a un fatto storico. All’Hollywood Roosevelt Hotel, infatti, aleggiano strane leggende. Quelle che mescolano avventori del passato a vicende paranormali.

Roosevelt Hotel: solo un albergo

Costruito nel 1926 e intitolato all’ex presidente Theodore Roosevelt. L’hotel, aperto nel maggio del ’27, presenta uno stile coloniale. Un’architettura introdotta e diffusasi già ai primi del XX secolo nelle aree americane di dominazione spagnola. Caduto in rovina negli anni ’50, l’albergo conobbe un nuovo splendore trent’anni più tardi. Una fitta attività di ricerca storica, l’analisi di fotografie d’archivio, lo studio dei progetti originali. Il recupero del Roosevelt Hotel donò una seconda rinascita a un edificio modificato dal tempo. Intensi lavori di sistemazione furono attuati anche in momenti più recenti. Nel 2015 un’importante attività di ristrutturazione donò all’albergo le forme attuali.

Prospetto del Roosevelt Hotel
Roosevelt Hotel – Foto di Supermac1961, CC BY 2.0

Organizzato in 300 camere il Roosevelt Hotel si erge in una posizione cruciale di Los Angeles. Si affaccia, infatti, sull’angolo compreso tra la Walk of Fame e il TCL Chinese Theatre. Un’ubicazione che rese l’edificio dimora di numerose celebrità del cinema. Al suo interno trovano spazio ben otto ristoranti e diversi bar. Ma anche punti di svago come discoteche e sale da gioco. Fino a qui si direbbe un semplice albergo, come tanti altri. Cosa rende allora speciale il Roosevelt Hotel? Nel 1929 l’edificio ospitò i Premi Oscar. Ma forse questo non è sufficiente a spiegarne la peculiarità.

Quegli strani fenomeni…

Il Roosevelt Hotel s’inserisce a pieno nel circuito degli itinerari paranormali percorribili in città. Protagonista di tutto ciò è la Diva del Cinema per antonomasia: Marilyn Monroe. L’attrice era solita soggiornare presso lo stesso hotel per il quale nutriva un vero e proprio legame affettivo. Una lussuosa suite, la numero 246 per l’esattezza, faceva da cornice ai momenti di riposo della Star. E si sa, le dive sono sempre un po’ capricciose e per questo vanno assecondate. Così lo staff del Roosevelt Hotel, per compiacere al meglio i desideri di vanità di Marilyn, decise di collocare nella sua camera un grande specchio. L’attrice poteva quindi vedersi a figura intera soddisfacendo il suo stimarsi. Niente di che, un comunissimo specchio e nulla più. Ma le abilità di questo oggetto, che tutto riflette, non sarebbero solo queste. Nel 1984, infatti, lo stesso venne spostato dalla suite 246 al piano terra dell’albergo.

Ritratto fotografico di Marilyn Monroe
Marilyn Monroe – Frank Powolny / Public domain

A questo punto lo specchio non avrebbe più dovuto restituire l’immagine di Marilyn, morta ormai da tempo. Eppure diversi avventori dell’albergo raccontano di aver visto il volto sorridente di Marilyn proprio attraverso il magico oggetto. E ancora, si narra che le telecamere interne alla struttura conservino filmati registrati anni dopo la scomparsa della Star. Una figura femminile, non meglio identificata, nuota in piscina. Un luogo dove la Monroe trascorreva momenti di relax. Il Roosevelt Hotel è una leggenda che ha permesso all’edificio di acquisire una certa fama. Forse una strategia di marketing o la capacità di “personaggi che hanno fatto la storia” di resistere al tempo. Se amate i misteri questo è sicuramente un luogo in cui far tappa! Ad aspettarvi non ci sarà una presenza inquietante bensì il positivo spirito di Marilyn. Un fantasma che sorride!

Roosevelt Hotel e il fantasma che sorride ultima modifica: 2020-03-03T06:34:52-05:00 da Sabrina Cernuschi
To Top