NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itLosAngeles

ITINERARI PAESAGGI

Route 66, la strada più leggendaria d’America

Route 66 - Moto in una immagine storica

Route 66, leggendaria mitica che possiamo dire che su questo asfalto è passato di tutto. Fare un viaggio per conoscere la vera America significa esplorare luoghi storici come questo. Proprio qui possiamo ancora respirare la scrittura di Steinbeck, ma anche la grinta di chi ha fatto l’autostop. Tanto cinema ha interessato questo serpentone infinito, che divide in due l’America ma che ha unito l’Atlantico al Pacifico.

Route 66

Ci troviamo nel luogo in cui il mito U.S.A. è stato raccontato da eroi e sconfitti, spesso alla guida di auto male in arnese. Proprio su questo nastro d’asfalto, c’è ancora l’eco dell’ideale dell’ultima frontiera, e sopravvivono i motel con le pale che girano pigre sui soffitti. Sembra quasi di vedere le due ruote di Easy Rider, con i Ray Ban a goccia, hamburger, e pompe di benzina dipinte su panorami desolati.

Route 66 - immagine degli Stati Uniti

In questi luoghi possiamo vedere evocate immagini raccontate sapientemente da Kerouac e, tra quelle pagine, respirare sogni appassiti di personaggi disincantati. Ci troviamo in un micro cosmo che è stato disegnato dai pionier che sognavano di andare lontano. Perché questa non è una strada, ma la strada! Questa è the Mother Road. Di strade ce ne sono tante, ma di Route 66 ce n’è una sola al mondo. Orbene, l’11 novembre 1926 iniziò il mito.

Route 66 la strada dell’immigrazione

La highway che ha fatto la storia degli USA è nata più di novant’anni fa, con l’apertura della mitica Route 66, la più famosa strada americana che ancora oggi taglia trasversalmente gli Stati Uniti. Questo serpentone d’asfalto nero è lungo quasi quattromila km, e si snoda attraverso ben otto stati e tre diversi fusi orari.

Route 66 - insegna di Motel

La lunghissima highway un tempo era la rotta di chi cercava fortuna verso ovest durante la depressione dopo il ’29. La sua costruzione iniziò nel 1857, battezzata infine col doppio 66 perché era facile da ricordare; eppure l’asfalto arrivò solo nel 1938. All’epoca, dai poveri sobborghi del Missouri, Oklahoma, Texas e Kansas, famiglie stipate in furgoni macilenti partivano cercando lavoro, o almeno come sopravvivere. Si sviluppò una migrazione fatta di carovane dirette verso ovest e tanta speranza. Poi, durante la Seconda Guerra mondiale, divenne una delle arterie su cui scorrevano merci e giovani soldati.

Qui nacque il McDonald

Nel dopoguerra, invece, il forte sviluppo dell’economia e del turismo regalò nuova vita a quest’arteria. Nacquero motel, tavole calde. E ancora oggi alcuni sono come dei musei cristallizzati nel tempo. Secondo alcuni, il fast food moderno sarebbe nato da queste parti. Al riguardo, possiamo dire che proprio sul tracciato della Route 66, a San Bernardino, nel 1940 due fratelli aprirono un ristorante: erano i McDonald.

Route 66 - Vecchia Insegna arruginita

Invece, secondo la tradizione, chi vuole intraprendere un viaggio su questa strada, dovrebbe partire da Chicago. Da sempre negli U.S.A il viaggio va da est a ovest e può durare circa due settimane. Partenza dalle parti di Grant Park, dove campeggia un cartello con la scritta “End of Historic Route 66”. Durante il viaggio in linea retta, Stato dopo Stato, s’incontra il noto Arizona, e poi ci si dirige verso il Grand Canyon: luoghi di tanti film.

Coast to coast

Il Grand Canyon è immenso come il suo fascino. Profondo più di un km e largo 16, offre punti d’osservazione e panoramici fantastici. Oppure ci si può concedere un pomeriggio di rafting sul fiume Colorado. Il viaggio sembra infinito, ma poi ecco Las Vegas. La si può amare o odiare, tuttavia  merita d’essere visitata. L’itinerario coast to coast è davvero bello, e apprezzare tutta la grande varietà di panorami e culture americane non ha prezzo. Difficilmente simili luoghi sono individuabili in un percorso più brev, che non sia quello della strada 66. Già, la “strada madre”, ribattezzata così nel romanzo dello scrittore statunitense John Steinback. Buon viaggio.

Route 66, la strada più leggendaria d’America ultima modifica: 2020-07-10T02:00:00-04:00 da Simona Aiuti
To Top