CULTURA QUARTIERI

Chinatown: il lato orientale di Los Angeles

Chinatown di LA. Via di Chinatown a Los Angeles con edifici in stile orientale, pagode e lanterne cinesi

Un quartiere ancora abbastanza giovane le cui strade sono un crocevia di volti e persone. Negozi e botteghe occupano ogni ritaglio di spazio pronte ad esibire mercanzie d’ogni tipo. Ma anche profumi e colori oltre alle insolite fogge di edifici in stile orientale. È Chinatown, l’altro volto di LA. Pronto ad ospitare turisti e curiosi alla ricerca del lato asiatico nella città americana.

Poco più di cent’anni

Situato nella Downtown di Los Angeles ha una storia ancora fresca. La sua costituzione iniziò con il progressivo arrivo di cinesi in città. Secondo la documentazione d’archivio pare che il primo asiatico giunse qui nel 1852. In un tempo molto rapido si formò un nucleo sempre più crescente di immigrati provenienti dal lontano oriente. Così già negli anni ’70 del 1800 cominciò a prender forma il quartiere di Chinatown. Certamente non dobbiamo immaginarci qualcosa di simile a ciò che si vede oggi. Sulle prime infatti i flussi migratori interessarono solo gli uomini.

Chinatown di LA. Lanterne Cinesi di colore rosso sul cui sfondo si nota un murales con figure orientali

Si trattava quindi di gruppi numericamente stabili, non destinati a crescere vista la scarsa presenza di donne. La comunità era infatti composta da circa 200 persone che iniziarono a stabilirsi in uno spazio piuttosto ristretto. Un vicolo largo solo 50 metri tra El Pueblo Plaza e Arcadia Street. Un piccolo quartiere residenziale ma anche un pullulare di attività commerciali dedicate soprattutto alla vendita di frutta e verdura. Quando poi gli uomini riuscirono a rendersi stabili economicamente, ecco che iniziarono a raggiungere la città anche le donne. Fu questo lo spunto che diede il via al progressivo sviluppo della Chinatown odierna. Si palesò quindi la necessità di dotare la zona di tutti quei servizi utili a garantire contatti e diffusione delle informazioni. Nacquero così centralini telefonici, punti vendita di giornali, luoghi religiosi e molto altro.

Chinatown oggi

Un crescente sviluppo di edifici dalle svariate funzioni. Superata la fase iniziale, ecco che gli “irrefrenabili lavoratori” poterono guardare verso nuovi orizzonti. L’idea fu quella di creare luoghi non solo per se stessi ma che potessero favorire la conoscenza della cultura orientale in terra americana. Quindi ristoranti, templi, musei e monumenti. Si capirà allora perché Chinatown è ad oggi frequentata da numerosi turisti desiderosi di conoscere “qualcosa di diverso”. Tra i punti più attrattivi è il caso di ricordarne brevemente alcuni. Sicuramente degna d’interesse è la monumentale pagoda di Mei Ling Way. Riprendendo a pieno un’architettura orientale, ospita al suo interno un bar rigorosamente arredato in stile. Risponde invece a tempio religioso, tanto per estetica quanto per funzione, il Thien Hau Temple. Un tripudio di decori nonché luogo sacro per molti cinesi.

Chinatown di LA. Il tempio sacro di Thien Hau con decorazioni su colonna in forma di drago

Sempre in tema di fede e culto è qui presente un edificio alquanto singolare. La sua architettura è infatti la fusione di uno stile americano unito al gusto orientale. Si tratta della United Methodist Church. Se invece siete alla ricerca di informazioni storiche, eccovi accontentati. È il Chinese American Museum, un tempo sede del municipio di Chinatown, oggi museo. Qui trova spazio una collezione che permette di scoprire dettagli della storia cinese negli USA. Ovviamente non possono mancare i consueti ristoranti, come il Thong Lo e il Tea Time Ten di Ren, dove gustare una veloce merenda a base di infusi e dolcetti vari. Ma tra le cose sicuramente più insolite compare anche un ospedale: il Pacific Alliance Medical Center. In effetti non ci sarebbe da stupirsi poiché si tratta di un servizio fondamentale per la comunità. L’aspetto singolare è però dato dalla sua gestione. Oggi infatti la struttura sanitaria è completamente nelle mani di medici cinesi, fornendo così una prestazione specifica per gli abitanti del luogo. Se avete la passione per l’esotico dunque non perdetevi la Chinatown di LA! Sarà sicuramente un primo spunto per la conoscenza di una cultura tanto diversa quanto ricca.

Sabrina Cernuschi

Autore: Sabrina Cernuschi

Laureata in Scienze Storiche lavoro da anni nel campo della didattica culturale. Amo curiosare dietro i perché delle cose per scoprirne le origini, le storie e rimanerne entusiasta un po’ come capita ai bambini quando esplorano! Per questo prediligo scrivere articoli a tema cultura: sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo su cui indagare!

Chinatown: il lato orientale di Los Angeles ultima modifica: 2019-04-09T09:00:03-04:00 da Sabrina Cernuschi

Commenti

To Top