CURIOSITA'

Addio alle palme. Los Angeles cambia volto

Palme con in sfondo un cielo rosato

Tutti abbiamo una mise che ci rende riconoscibili. I capelli, un certo abbigliamento, un determinato stile. Può forse dirsi lo stesso per una città? Sembrerebbe proprio di sì! Se chiudiamo gli occhi e pensiamo ad una località come Los Angeles non ci possono che venire in mente enormi viali contornati da palme. Ma cosa accadrebbe se la metropoli californiana decidesse per un cambio look? Proviamo a scoprirlo insieme.

Bye bye palme

I primi a piantare le palme a Los Angeles, come nel resto della California, furono i missionari spagnoli nel corso del ‘700. Pur privilegiando le specie locali ne vennero poi piantate anche di differenti. Esempi ne sono le altissime palme da dattero delle Isole Canarie. E ancora le stravaganti messicane. L’insieme di queste diverse tipologie di palme, dall’aspetto sbarazzino, conferirono alla città un che di tropicale.

Palme lungo un viale di Hollywood

Alte e dalla chioma sfrangiata, le palme sono un po’ ovunque sinonimo di vacanza e spensieratezza. Da quel momento Los Angeles iniziò a vestire panni esotici acquisendo uno stile intramontabile. Eppure corre voce da qualche anno che la grande metropoli è pronta al cambiamento. Non si tratta di un cambio look repentino. Nulla a che fare con uno di quei colpi di testa tipici di una donna che un giorno decide per un taglio netto di capelli! Cosa succede quindi alla Città degli Angeli? Per scoprirlo occorre chiamare in causa discorsi climatici e non solo. Sul bancone degli imputati compaiono anche un piccolo animale e una creatura quasi invisibile!

Cambio look

Il surriscaldamento del pianeta è ormai un tema di grande attualità. Il clima dunque si modifica portando con sé una serie di inevitabili cambiamenti. Ma proviamo a indagare meglio. Se ci dicessero che la nostra casa può diventare gratuitamente più ampia, beh forse un pensierino ce lo faremmo. E così ha fatto anche lo scarabeo sudamericano. Proprio a causa del surriscaldamento climatico, ha esteso il suo “regno” verso Nord. Il suo habitat naturale si è quindi ampliato e a pagarne le conseguenze sono state proprio le palme. E già perché pare che al simpatico animaletto piaccia distruggere le piante che da sempre dipingono il volto della città. Ma non basta di certo uno scarabeo. Così all’appello si è presentato anche “un amico invisibile”. Il suo nome è Fusarium e non si tratta di un soggetto troppo simpatico. Stiamo parlando infatti di un fungo che adora distruggere le palme.

Palme - Viale con aceri

Cosa fare quindi? “Lasciare che la natura faccia il suo corso”. Così pare aver deciso l’Amministrazione cittadina. Perché non intervenire in aiuto della tanto amate palme? Pare che da diverso tempo queste piante, tanto gradevoli nell’aspetto, non facessero più il caso di Los Angeles. Troppo alte, poco ombrose e soprattutto consumano importanti quantità di acqua. E di ombra e acqua ce ne sarà sempre più bisogno se il clima continuerà a scaldarsi. Così si vocifera che gradualmente querce e aceri prenderanno il posto delle palme. Piante quindi molto diverse: forse più sobrie nell’aspetto ma maggiormente funzionali agli scopi della città. Sarà riconoscibile Los Angeles senza le sue palme? Non ci resta che attendere!

Sabrina Cernuschi

Autore: Sabrina Cernuschi

Laureata in Scienze Storiche lavoro da anni nel campo della didattica culturale. Amo curiosare dietro i perché delle cose per scoprirne le origini, le storie e rimanerne entusiasta un po’ come capita ai bambini quando esplorano! Per questo prediligo scrivere articoli a tema cultura: sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo su cui indagare!

Addio alle palme. Los Angeles cambia volto ultima modifica: 2019-03-06T09:30:54-04:00 da Sabrina Cernuschi

Commenti

To Top