NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itLosAngeles

CONSIGLI UTILI NEWS

Il Coronavirus in USA, le restrizioni e il vaccino mRNA-1273

Il Coronavirus in U.S.A.- Los Angeles City in una foto

Il Coronavirus in U.S.A. ha avuto una deflagrazione meno impattante, ma lentamente gli statunitensi stanno adeguando il loro stile di vita a quello italiano. A Los Angeles è quindi tutto chiuso. Lentamente si sono spente le luci di Las Vegas, quindi anche la città che non dorme mai ora riposa.

Coronavirus in U.S.A.

Il bollettino non è molto incoraggiante, poiché ci sono oltre 3400 contagiati, e purtroppo già sessantacinque morti. Anche in altre zone della California, come San Francisco, si ordina di restare a casa. La città multietnica sulla baia, attraverso le autorità, ha ordinato ai residenti di restare a casa per le prossime tre settimane. Tutti devono collaborare per fermare la diffusione del contagio da coronavirus, come accade in Italia. Si tratta della misura più severa mai presa finora in tutti gli Stati Uniti per un’epidemia. L’ordinanza riguarda sei contee, relativamente a 6,7 milioni di cittadini. Sono tassativamente chiuse le scuole, bar, ristoranti, cinema, teatri, e tutti i locali notturni. Inoltre, si potrà solo ordinare cibo da asporto, cosa che riguarda tutta la West Coast. Dopo l’Italia, con uno dei migliori sistemi sanitari al mondo, che ha adottato per prima le misure di contenimento, a ruota, l’Occidente la segue.

Le restrizioni sulla West Coast

Il vicepresidente americano Mike Pence annuncia una stretta a livello federale per le prossime ore, mentre sono già una decina gli stati U.S.A. che hanno adottato misure drastiche per il contenimento dei contagi. Le misure restrittive stanno diventando sempre più stringenti per limitare la circolazione delle persone. Come un effetto domino, si sta allargando in tutti gli stati confederati l’allarme coronavirus, e stanno adottando tutti misure drastiche per limitare i contagi.

Il Coronavirus in U.S.A. - Vaccino sul braccio

Come dicevamo, anche i casinò di Las Vegas a partire dal 17 marzo, stanno chiudendo, e lo faranno per almeno due settimane. Porte serrate per i casinò di Wynn Resorts e Mgm Resorts International, fra i quali il Bellagio, il Mandalay Bay, e il Mirage. Era inevitabile una misura così restrittiva, dopo la decisione della chiusura totale delle spiagge di Miami. Attualmente c’è poca attenzione per la campagna elettorale, poiché la priorità è La campagna Usa contro il coronavirus.

Vaccino sperimentale in America

Il Presidente Trump incoraggia la popolazione dicendo che presto la Nazione uscirà fortificata da questa epidemia. Inoltre, anche il vicepresidente americano Mike Pence annuncia che altre restrizioni potrebbero arrivare nelle prossime ore. Nondimeno, la scienza non si ferma, e non potrebbe a maggior ragione farlo ora. In questi giorni di trepidazione, si parla del primo test per un vaccino anti coronavirus negli Stati Uniti. Si apprende dai ricercatori dalla Associated Press che il vaccino/test è in studio in via sperimentale in un volontario di Seattle. L’area delle grandi piogge risulta una delle zone più colpite negli Usa. L’iniziativa scientifica ha sede e si sta sviluppando, appunto, al Kaiser Permanente Washington Health Research Institute di Seattle. Tuttavia, le autorità sanitarie hanno parlato chiaramente di almeno un anno, se non diciotto mesi, per completare la necessaria sperimentazione. Infine, il test di Seattle coinvolgerà quarantacinque volontari.

Il Coronavirus in U.S.A. - Covid 19 Coronavirus stilizzato

Tra questi individui i volontari hanno età comprese tra i diciotto e i quarantacinque anni. Tutti i prescelti del piano sperimentale, che suscita tanta attenzione e trepidazione, sono soggetti senza alcuna patologia. A tutti saranno somministrate delle dosi differenti, uno rispetto all’altro. Lo scopo dell’esperimento così delicato è vedere se il vaccino comporta o meno effetti collaterali. Tuttavia, questo è il primo passo fondamentale per una sperimentazione più vasta. Nondimeno, anche in Europa, come in altre zone del mondo, la ricerca lavora al riguardo senza sosta. Al momento, il nome in codice del vaccino sperimentale statunitense è “mRNA-1273”. Esso è stato sviluppato grazie al lavoro dell’Istituto Nazionale della Salute e dalla società di biotecnologie Moderna Inc. con sede in Massachusetts. Tutto ciò per sconfiggere il Coronavirus in U.S.A.

Il Coronavirus in USA, le restrizioni e il vaccino mRNA-1273 ultima modifica: 2020-03-19T05:04:12-04:00 da Simona Aiuti
To Top